venerdì 6 luglio 2018

La Natura, la scuola migliore.


Nel 1982 l'Agenzia svedese per la protezione
dell'ambiente ha aperto la prima scuola naturale a Skäralid nel Parco Nazionale Söderåsen, nel sud della Svezia. Attualmente la Svezia ha 70 scuole naturali e migliaia di alunni partecipano a "giornate all'aria aperta" ogni settimana. L'obiettivo nazionale è di avere almeno una scuola naturale in ogni distretto municipale.

Tutti i bambini nascono con la curiosità e il desiderio d'imparare e giocare, un'istinto forte come la fame e la sete. L'amore per la natura è insito in tutti gli esseri umani e la conoscenza della natura inizia nella natura stessa. Il miglior apprendimento si ottiene usando tutte le parti del corpo: tutti i sensi: cervello e cuore, mani e piedi. 
Questo è il metodo delle scuole naturali svedesi: combinare corpo e anima, amore per la vita e per la conoscenza - all'aperto! 
I tutor, gli insegnanti e gli studenti lavorano insieme per:

esplorare ed esaminare
osservare e trarre conclusioni
scoprire e cercare di capire
sperimentare e risolvere i problemi
L'esperienza personale diventa il fondamento su cui si costruiscono l'apprendimento, la conoscenza e la comprensione della natura. Le materie scolastiche tradizionali come la storia, la geografia e la matematica possono anche essere insegnate all'aperto. 

I bambini - I migliori insegnanti del mondo

Alla scuola naturale, i bambini possono insegnare a noi adulti tanto quanto noi possiamo insegnare loro. Come spiega un tutor: "I bambini sono natura! Abbiamo così tanto da imparare da come giocano, da come interagiscono con il loro ambiente. I bambini ci insegnano che dobbiamo divertirci e gioire imparando".

Un bambino della scuola naturale dice: "voglio sentire il sole, il vento e la pioggia, così divento più attento e imparo più facilmente quando mi è permesso di usare il mio corpo".

Cos'è la scuola naturale?

La scuola naturale non è né un edificio né un luogo; è un metodo di apprendimento. L'idea di base è imparare all'aperto. I giochi e l'educazione all'aria aperta stimolano l'esperienza - la curiosità - l'esplorazione - la comprensione. Imparare all'aperto si traduce anche in bambini allegri, di mentalità aperta, coraggiosi e in buona salute.

I tutor della natura educano insegnanti e bambini attraverso lo sviluppo ambientale sostenibile. 

Il metodo di apprendimento preferito dalla scuola naturale è la scoperta. L'educazione all'aria aperta consente ai bambini di prendere l'iniziativa e di trovare il modo per svolgere un incarico.

La scuola naturale è una risorsa disponibile per bambini e insegnanti a tutti i livelli, dall'asilo alla scuola superiore. 

Le giornate all'aperto spesso hanno temi che richiedono preparazione e possono ispirare un lavoro da fare poi in classe. Esempi di temi:

Le quattro stagioni
I nostri sensi 
Le zone umide
Tecniche antiche

Lasciare l'aula per le lezioni all'aperto ha due enormi vantaggi:

migliore apprendimento

migliore salute

I bambini che trascorrono le giornate all'aria aperta:

Hanno migliori capacità di concentrazione.
Sono più bravi a prendere decisioni ben ponderate.
sono più bravi a pianificare e completare i compiti.
Sono più collaborativi

"Se vuoi portare la natura nella tua testa, dovrai portare la tua mente nella natura." Dice il preside di una di queste scuole, Folke Frennhof.


"La natura è il nostro laboratorio, il nostro parco giochi e il nostro luogo di culto, allo stesso tempo è la nostra dispensa, la nostra cassetta delle medicine e il nostro stock di risorse." Suggerisce un educatore.

"Senza gioco non ci sarebbero artisti, né inventori né ingegneri abili". Conferma Birgitta Knutsdotter Olofsson, un'insegnante.


I bambini che trascorrono le giornate all'aria aperta:

Si ammalano di meno.
Sono più calmi.
Hanno più sicurezza in se stessi.
Sono più felici
Hanno una migliore mobilità e senso del proprio corpo.
Risolvono i conflitti più facilmente.


In passato vivevamo e lavoravamo vicino alla natura. Oggi la maggior parte di noi vive in città. L'ambiente urbano di solito non si adatta ai nostri bisogni umani.
Il nostro cervello ci difende costantemente dal rumore di fondo. In natura, questa funzione non è necessaria. Al contrario, passare il tempo in natura ci riempie di energia. Gli effetti positivi non svaniscono per un bel po 'di tempo.

In un moderno ambiente urbano siamo bombardati da informazioni che cercano di attirare la nostra attenzione. E guardare è apparentemente gratuito. Il prezzo che paghiamo è la stanchezza mentale. La natura offre un posto dove riposare. Alberi e pietre non hanno richieste.

I bambini con esperienze positive della natura crescono per essere più attivi, più sani e più interessati alla natura da adulti. Vivere vicino alla natura, attiva il nostro corpo e la nostra anima, stimola i nostri sentimenti e il nostro intelletto. La pressione sanguigna diminuisce, il cuore batte più lentamente, la quantità di ormoni dello stress diminuisce e si dorme meglio. La resistenza alle allergie e alle infezioni migliora. La necessità di antidolorifici o altri farmaci rilassanti diminuisce.

Citazioni:

"Le persone nate negli anni quaranta sono le ultime persone che, attraverso i loro nonni, hanno un legame naturale con la campagna, è triste che le scuole della natura siano necessarie, ma è buono che esistano, e in futuro ne avremo un bisogno ancora maggiore ".

Ingvar Bingman, presidente della fondazione "Keep Sweden Clean".

"Devi toccare per essere toccato."
Molander.

"E' stata la natura a determinare come abbiamo giocato e sognato ad occhi aperti".
Astrid Lindgren


La natura guarisce

La natura è la nostra casa, un luogo dove tutti sono invitati e benvenuti. Gli ambienti vicini a dove viviamo e lavoriamo sono i più importanti. Passeggiate nel parco, vita all'aria aperta nella foresta o al mare, lavorando in giardino o pescando, sono tutti esempi di attività che migliorano la salute e prevengono le malattie. Le esperienze in natura hanno un effetto positivo sulle malattie endemiche come ad esempio:

malattie della circolazione
diabete
ictus
malattie ossee (osteoporosi)
depressione
malattie articolari (artrosi)
pressione alta
I pazienti ospedalieri che hanno subito un intervento chirurgico recuperano circa l'otto percento più velocemente se hanno una finestra che si affaccia su un parco, al contrario di una vista di un altro edificio. Richiedono anche meno cure mediche e farmaci durante il recupero.

Che cosa dice la scienza?

Elisabeth Hurtig scrive nella sua tesi di master:

"Tutti gli scienziati e tutta la letteratura sono della stessa opinione: la migliore educazione si ottiene quando l'apprendimento è accoppiato con situazioni di vita reale significative, cioè l'apprendimento in un contesto. Preferibilmente all'aperto, in natura".
Dice lo scienziato David Ingvar:

"La scuola naturale è un ottimo esempio di buona educazione in cui la teoria e l'esperienza sono combinati: l'uso del corpo alimenta l'attività mentale".

Germund Sellgren.


FONTI:

The Nature School and Outdoor Days, Outdoor Pedagogics and Practice - Elisabeth Hurtig M.A, Greenwich University.
The Importance of Contact with Nature for "Home Urbanis Juvenile" - Gunnar Sorte, professor, Institute of Landscape Planning, Swedish University of Agricultural Sciences, Alnarp.
The Importance of Nature and Gardens for Health and Quality of Life - Ingmar Norling, senior lecturer, Sahlgrenska University Hospital
Comparison of Child Behaviour at Preschools Lekatten and Statarlängan - R&D-project, Swedish University of Agricultural Sciences, Alnarp.


"Siediti completamente immobile e fissa un albero così a lungo che l'albero inizia anch'esso a fissarti. Provalo!"
Jan Daniellson

giovedì 15 maggio 2014

Prinsen som rymde [Il Principe che fuggì] di Martin Widmark e Milena Galeoto




Dall'incontro di Martin Widmark, Milena Galeoto e dell'artista italiano Gianluca Ku Garofalo, nasce una favola, pubblicata dalla casa editrice Bonnier Carlsen, dove il meglio delle arti narrative e visive svedesi e italiane, si uniscono per dar vita ad un prezioso albo illustrato.


Prinsen som rymde [Il Principe che fuggì], un racconto che ha inizio con il classico "C'era una volta" dove incontriamo un sovrano, appassionato di rose che sfortunatamente non sbocciano nel suo giardino e un giovane e pallido principe, continuamente protetto e accudito dai custodi del regno perché non corra il pericolo di farsi male. Ma un giorno, stanco di non poter vivere libero e spensierato, decide di fuggire via e l'avventura ha inizio!Tutte le paure vissute fino a quel momento, dove i semplici zampilli di acqua di un torrente, erano visti come spiriti maligni e gli enormi alberi della foresta come insuperabili giganti, non impediranno al giovane Principe di raggiungere quel meraviglioso giardino di rose e quella fanciulla che ha lasciato sbocciare in lui il coraggio. Come la luce del sole che, finalmente, filtrando attraverso le spesse mura di cinta del regno, grazie a questa fuga... lascerà sbocciare le rose più belle che fino ad allora non si erano mai viste..."Questo è uno di quei progetti che mi appassiona. Mi piace quando testo e immagini di culture e tradizioni diverse si sposano insieme ed entrambi, io e Milena Galeoto, crediamo molto in queste combinazioni culturali, e Gianluca Garofalo poi, è davvero un grande artista!"(Martin Widmark)







Martin Widmark e Milena Galeoto - photo: Stefan Tell

© Gianluca Garofalo

© Gianluca Garofalo

© Gianluca Garofalo



giovedì 20 marzo 2014

Storie di Svezia


All’interno della rassegna culturale Itinerario Rosa, in collaborazione con il Comune di Lecce, l’Ambasciata di Svezia in Italia e il Consolato svedese di Bari.





21, 22 e 23 Marzo 2014

Storie di Svezia

Letture e laboratori dal mondo della letteratura svedese per ragazzi



Dalle avventure di Nils Holgerssons, alle spassose storie di Pippi Calzelunghe, ai simpatici episodi di Alfons Åberg, passando attraverso i gialli di Martin Widmark, fino al mondo variopinto di Stina Wirsén, per ripercorrere insieme a grandi e bambini emozionanti esperienze dal mondo dei personaggi di autori svedesi, attraverso letture e laboratori.

Quando parliamo di letteratura svedese per ragazzi, nel nostro immaginario collettivo, pensiamo subito a Pippi Calzelunghe (Pippi Långstrump), della nota scrittrice Astrid Lindgren, pioniera del romanzo moderno e amata in tutto il mondo. Era il 1945 quando fu pubblicata la prima storia della piccola ribelle che liberò la letteratura per l’infanzia dall’obbligo di promuovere il moralismo, riconoscendo, invece, le particolari necessità dei bambini. L’autrice scrisse più di 115 storie, inclusi gialli, racconti di avventura, fantasy e lavori per la televisione e il cinema svedese. Nel 2002 il Governo svedese ha istituito un premio letterario dedicato alla scrittrice. La Svezia ha dimostrato di essere un paese all’avanguardia dal punto di vista educativo già nei primi decenni del secolo scorso e in questa dimensione culturale non poteva che nascere una letteratura attenta alle esigenze dei più piccoli, dove nella maggior parte delle storie i protagonisti sono proprio loro, i bambini. Basti pensare al racconto Il viaggio meraviglioso di Nils Holgersson, di Selma Lagerlöf che ottenne per esso il Premio Nobel per la letteratura, poiché con le avventure del suo personaggio in giro per i paesi scandinavi, aiutò molti bambini svedesi non solo a saper leggere ma a imparare la geografia, le tradizioni e la storia del loro paese. Numerosi sono gli autori e illustratori svedesi perché in Svezia la lettura è un’attività condivisa, sostenuta e promossa dal Paese attraverso diverse iniziative come un valido sistema bibliotecario, regolato da una vera e propria legislazione che mira a garantire a tutti, incluse le minoranze, il diritto di leggere ed essere, così, integrati nel sistema sociale. La maggior parte delle storie dimostra come la realtà di tutti i giorni possa trasformarsi, grazie alla fantasia, in una meravigliosa avventura, dove anche i piccoli gesti e le semplici riflessioni diventano preziosi; e dove con naturalezza sono affrontate diverse tematiche. Per questo motivo i bambini svedesi amano leggere i loro autori, perché si riconoscono nelle storie. Come quelle di Alfons Åberg, scritte e illustrate dall’autrice Gunilla Bergström, che descrivono le esperienze di un bambino che vive in città con il padre, dove è possibile rintracciare nella quotidianità, l’aspetto magico dell’infanzia e il ruolo paterno. Ultimamente, il paese scandinavo è investito da un’ondata di gialli e thriller e tra i libri più letti tra i ragazzi, ci sono le serie di Lasse e Maja, investigatori privati, e dell’agente antimostri Nelly Rapp, entrambe di Martin Widmark. La particolarità delle storie contemporanee è che si concentrano sulla curiosità e la creatività tipica dei bambini fuori dagli stereotipi, come le storie della serie Vem e Brokiga di Stina Wirsén che con originalità e humor descrivono il mondo dei più piccoli.

Di seguito il programma con tutti gli appuntamenti:
Venerdì 21 marzo 2014


Ore 11.00 – La Svezia in Italia, presso la sala conferenze dell’ex Conservatorio di Sant’Anna. Incontro con le istituzioni e il pubblico, dove saranno affrontati diversi temi relativi al mondo della letteratura svedese per l’infanzia e alle iniziative atte favorire il diritto alla cultura dei ragazzi. La diffusione della lingua svedese per offrire agli studenti universitari, la possibilità di una continuità formativa d’eccellenza, nei paesi scandinavi. E le possibili iniziative per promuovere uno scambio significativo tra i paesi.

A introdurre e moderare l’incontro, Milena Galeoto, promotrice della cultura e della letteratura svedese per ragazzi in Italia.

Interverranno:
Antonio Morfini, console onorario di Svezia (consolato di Puglia e Basilicata)
Annuska Palme Sanavio, traduttrice storica di Pippi Calzelunghe.
Luigi Coclite, assessore al turismo, marketing territoriale, spettacoli ed eventi insieme ad
Annamaria Margiotta, responsabile e coordinatrice di Itinerario Rosa.
Lorenzo Lozzi Gallo, docente del corso di lingua svedese presso l’Università degli studi Aldo Moro di Bari.
Con i contributi di Martin Widmark,  ideatore di un programma promosso dal governo svedese per migliorare il livello di alfabetizzazione in età scolare. E Marie Tomicic, fondatrice della casa editrice Olika che cura edizioni per ragazzi fuori dagli stereotipi.


Nel corso della stessa mattinata:

Inaugurazione della mostra dedicata all’artista svedese Stina Wirsén presso il Fondo Verri di Lecce, via Santa Maria del Paradiso 8.

Visite guidate per le scuole presso la Libreria Icaro, via Felice Cavallotti 7/a – Lecce, dove saranno esposte verie edizioni di autori svedesi in Italia.

Dalle ore 16:30 alle 19:00
Il fantastico mondo di Pippicalzelunghe, lettura e laboratorio ispirato al noto personaggio di Astrid Lindgren.
Sorvoliamo la Svezia insieme a Nils Holgerssons, lettura e laboratorio ispirato al Viaggio Meraviglioso di Nils Holgerssons dell’autrice Selma Lagerlöf.


Sabato 22 marzo 2014

Dalle ore 16:30 alle 19:00
Hej, Alfons! Letture e laboratorio dalle storie di Alfons Åberg dell’autrice Gunilla Bergström.
La vera storia di una mela rossa, lettura animata e inedita di una divertente commedia degli equivoci di Jan Lööf.


Domenica 23 marzo 2014
Dalle ore 16:30 alle 19:00
Il mondo variopinto di Brokiga & C, letture e laboratorio ispirate alla serie Brokiga e Vem di Stina Wirsén.
Mostri e Misteri, Letture e laboratori ispirati ai gialli di Martin Widmark con le avventure di Lasse e Maja e dell’Agente Antimostri, Nelly Rapp.


Ufficio stampa BRO
Tel. 328 1470714



giovedì 23 gennaio 2014

Un ponte lungo un percorso di vita - Apulia Magazine

Nella rubrica Donne, pag. 73 della rivista trimestrale Apulia Magazine: Un ponte lungo un percorso di vita - sfoglia cliccando l'immagine.


Milena Galeoto si racconta su Apulia Magazine

sabato 14 dicembre 2013

Santa Lucia a Bari

Barrueca: Santa Lucia a Bari: Col patrocino dell’Ambasciata Svedese, il Consolato di Svezia e l’Università di Bari Il 13 Dicembre in Svezia  come in Italia, ...

mercoledì 20 novembre 2013

E' arrivato l'ambasciatore

Sulla rivista trimestrale di letture e letterature per ragazzi del Centro di Ricerca e Documentazione 'Il Pepeverde', incontro Johan Unenge, Ambasciatore della Lettura (2011-2013) in Svezia.

Cliccare sull'immagine per leggere l'intervista

Intervista a Jhoan Unenge sulla Rivista 'Il Pepeverde' n.58


martedì 12 novembre 2013

Ingrid Vang Nyman e l'illustrazione moderna

a cura di Milena Galeoto


Cosa ne sarebbe stato di Pippi Calzelunghe se fosse stata disegnata da un artista timido e mediocre? Forse non sarebbe diventata un’icona ma giusto uno dei tanti personaggi bizzari descritti sui libri per bambini.

Quanto ha influito lo stile di Ingrid Vang Nyman sul concetto di “Pippi”? Nel 1945 (anno che coincide con la fine della seconda guerra mondiale e dopo anni di indescrivibili orrori) arrivò saltellando una bambina strampalata e felice con un rivoluzionario modo di muoversi e un abbigliamento stravagante.

Pippi Calzelunghe è una bambina impegnativa che esprime lo spirito del tempo, molto lontano dal naturalismo, ma del tutto in linea con il concetto di democrazia bruscamente risvegliato e dell'idea moderna dei diritti umani e civili per tutti, compresi i bambini. La figura di una bambina  vulcanica: dalla forma dei lineamenti, alla scelta dei colori, agli accostamenti e le movenze.

Le reazioni negative che seguirono alla pubblicazione di questo personaggio, in Svezia, erano focalizzate però più sul testo che sulle illustrazioni. Ma noi possiamo ancora immaginare che la forte espressività dell’immagine contribuì al clamore, anche se a un livello subconscio.

Un altro pensiero (che poteva soltanto venire da un illustratrice come Gunna Grähs) è: cosa sarebbe successo se Pippi fosse stata disegnata da un artista timido e mediocre? Forse non sarebbe diventata un’icona, ma semplicemente una tra i tanti bambini bizzarri descritti nella letteratura.
“L’illustrazione letteraria” – è attualmente una delle più importanti missioni degli illustratori e artisti di libri per bambini. E l’immagine del personaggio disegnato potrebbe aver bisogno di una valutazione più seria, curiosa e conscia. In tutti i passaggi – nel processo di lavoro, nella pubblicazione, nel mercato, nella ricerca e nel criticismo della letteratura dei bambini.   
“L’autore che ha avuto la fortuna di trovare un illustratore congeniale per il suo libro, è eternamente grato a quell’ artista ", disse una volta Astrid Lindgren. 
Le immagini di Ingrid Vang Nyman di Pippi Calzelunghe sono diventate dei classici apprezzati in molti paesi.

Ingrid Vang nacque nel 1916 a Vejen nel sud di Jylland, in Danimarca. Il suo talento per il disegno e la pittura si manifestò precocemente. All'età di 17 anni, si trasferì a Copenaghen, dove iniziò una formazione preparatoria presso l'Accademia di belle Arti, in cui fu ammessa come studentessa nel 1935. Abbandonò l’Accademia dopo pochi anni per lavorare come libera artista. Durante gli studi, incontrò Arne Nyman, pittore, illustratore e poeta. A Stoccolma iniziò la sua carriera d’illustratrice. Nel 1945 arrivò Pippi Calzelunghe su Raben&Sjogren che rese Astrid Lindgren un’autrice di successo, e Ingrid Vang Nyman, allora 29enne ne realizzò le illustrazioni. Ma Pippi non fu il debutto di Ingrid come illustratrice - aveva già realizzato diverse illustrazioni per altri autori. 

Curiosamente, Pippi non fu così determinante per la carriera di Ingrid così come fu  per Astrid Lindgren. Ma, oggi, sappiamo che Ingrid Vang Nyman fu in realtà colei che introdusse in Svezia un concetto più moderno dell’illustrazione, e la sua estetica è stata un modello che ha ispirato molti artisti di oggi.
In particolare, alla fine degli anni '40 Ingrid Vang Nyman fu enormemente produttiva come illustratrice di libri per bambini. Prese i suoi incarichi di illustrazioni molto seriamente e ebbe grandi ambizioni.
La consapevolezza artistica nelle sue illustrazioni fu enorme, così come la precisione tecnica. Usando colori caratteristici, sfumature scelte con cura, contorni netti e pochi dettagli per ricreare una scena. Immagini di alto contenuto artistico per i bambini.
I libri di Astrid Lindgren che Ingrid Vang Nyman ha illustrato sono Kajsa Kavat, I bambini di Bullerby e tutti i libri di Pippi Calzelunghe.

Pippi rispecchiava molto bene lo spirito di Ingrid Vang Nyman, che credeva molto nelle proprie capacità che non erano così comuni. Questa forza purtroppo si associò a problemi di salute mentale, e nel 1959 si tolse la vita a soli 43 anni.
Pippi calzelunghe realizzata da altri illustratori: L. Tokmakova (Russia), Karel Teissing (Slovacchia), e Noelle Lavaivre (Francia)

Fonte: Dagli archivi della Rabén & Sjögren e Sveska Teknaren Magazine